Reimpara come apprendere nell'era dell'informazione

Fondatore e CEO di Lifehack Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Quando scorri Facebook, puoi vedere i post su semplici esercizi di stretching per alleviare il mal di schiena, su come fare una festa e su come essere single e felici. Oppure, se vai su Youtube, puoi trovare guru che parlano di consigli per il trucco o YouTube che insegnano a suonare la chitarra.

Ma quegli esercizi di stretching, il modo di fare un s'mores, come essere felici di essere single, come truccarsi e come suonare meglio la chitarra sono cose che la maggior parte delle persone non riesce mai a fare alla fine.

/ p>

La tecnologia ha portato nel mondo un surplus di informazioni, ma non ha reso le persone più intelligenti. La semplice esposizione ai dati non rende le persone pensatori e discenti migliori.

Il fatto è che la maggior parte delle persone non ha mai imparato a imparare correttamente.

In media, le persone trascorrono 50 minuti al giorno solo su Facebook. [1] Essere esposti alle informazioni non è la stessa cosa che interiorizzare e adattare la conoscenza. Anche durante l'istruzione formale, gli studenti acquisiscono rapidamente le conoscenze per scrivere documenti e sostenere esami; trasformare ciò che imparano in saggezza da applicare per tutta la vita è raro.

I sistemi convenzionali di acquisizione della conoscenza non riescono a sfruttare il potenziale del cervello. [2] A meno che non utilizziamo tali informazioni, siamo tenuti a dimenticarle.

Acquisire conoscenza: ieri e oggi

Il modo in cui applicare la conoscenza è diverso oggi perché è facile esporre ogni giorno molte informazioni. Gli stili di apprendimento tradizionali spesso prevedevano l'apprendistato o l'applicazione attiva immediata di competenze. [3]

Se stavi cercando di imparare a sciare prima dell'era dell'informazione, probabilmente inizieresti trovando un istruttore. Lo sciatore esperto ti aiuterà a capire l'attrezzatura e fungerà da guida mentre impari i meccanismi dell'attività. Lavoreresti costantemente per applicare ciò che hai imparato esercitandoti nel tuo tempo libero, la maggior parte del tuo apprendimento è stato fatto sulle piste. Alla fine, non avresti bisogno del tuo istruttore e ti considereresti uno sciatore competente e sicuro di sé.

Oggi, quando decidi di voler imparare a sciare, passi ore a esaminare Internet per ogni post del blog e articolo sullo sci. Guardi video di persone che sciano, cerchi l'attrezzatura migliore e ti unisci a un gruppo Facebook per gli appassionati di sport invernali. Potresti sentirti un esperto in tutto ciò che riguarda lo sci dopo aver approfondito queste risorse, ma hai davvero imparato a sciare? C'è una grande differenza tra leggere come mettere gli sci e andare in pista.

Oggi, la qualità della conoscenza viene sacrificata alla quantità.

Esiste uno squilibrio tra la conoscenza che acquisiamo e le informazioni che utilizziamo. [4] Il cervello umano sta lavorando il più rapidamente possibile per inviare dati dalla memoria di lavoro alla memoria a lungo termine, ma non può conservare tutto. [5]

Anche la ricerca di ulteriori informazioni è elettrizzante. Il desiderio di tenere il passo spinge la maggior parte delle persone a scorrere spesso Facebook. Le persone sono afflitte dalla paura di perdere (FOMO) a scapito dell'apprendimento autentico. [6] La maggior parte è aggiornata su storie sensazionali e condivide come un matto su Facebook e WhatsApp, ma un comodo accesso alla conoscenza non sostituisce l'apprendimento profondo attraverso lo sforzo e la concentrazione. Solo pochissime informazioni di facile accesso hanno le persone realmente applicate nella loro vita.

Come assorbire e applicare realisticamente le informazioni

Anche se sarebbe perfetto assorbire e applicare il 100% delle informazioni, non è del tutto possibile. Forse ci sono alcuni individui iper-produttivi che possono raggiungere questo livello di successo. Ma la maggior parte di noi non è Albert Einstein e abbiamo poco tempo. Dobbiamo essere pragmatici su come affrontiamo le informazioni se vogliamo che rimangano.

Se vuoi mantenere le informazioni a lungo termine, devi essere selettivo su ciò che scegli di assorbire. Senza un piano, ottenere informazioni da Internet è come provare a mangiare l'intero buffet in una sola seduta. Rompi la sovrabbondanza di risorse in pezzi facilmente digeribili in modo da poter dare alle informazioni il tempo necessario per diventare significative per te.

1. Ottieni un filtro per il cervello: filtra le informazioni che non ti miglioreranno.

Lo scorrimento in Internet è una forma passiva di acquisizione di conoscenza. La quantità di informazioni a cui possiamo accedere sarà sempre maggiore di quanto possiamo elaborare. Per filtrare le informazioni che acquisisci, concentrati su ciò che devi migliorare. Cosa devi imparare per avere successo? Questo semplice passaggio ti consente di passare informazioni non correlate e tangenzialmente correlate.

Man mano che accresci le tue conoscenze e abilità, puoi aggiornare i parametri del tuo filtro.

Se torni all'esempio dello sci, stabilisci il tuo filtro decidendo cosa devi imparare sullo sci in questo momento. Stai cercando di capire come mettere gli sci correttamente? Sai come fermarti quando stai scendendo da un pendio? Se stai lavorando sui fondamenti, non sarà utile dedicare tempo all'apprendimento di trucchi avanzati. Dopo aver acquisito familiarità con le nozioni di base, modifica il filtro in modo da continuare a sviluppare le tue capacità.

2. Porta le informazioni nel mondo reale: fai ciò che hai letto per confermare il tuo apprendimento.

La conoscenza non è utile finché non puoi applicarla. Se stai cercando di apprendere una nuova abilità, dovrai fare le cose di cui hai letto nella tua ricerca. Finché non hai fatto più tentativi per padroneggiare il trucco con gli sci che hai visto su Youtube, non l'hai interiorizzato. Quando puoi eseguire il trucco senza pensare o richiamare le informazioni senza lottare, è tuo.

Non è sempre facile trasferire le informazioni dallo schermo del computer al mondo reale. C'è una buona probabilità che tu fallisca la prima volta che provi qualcosa.

Quando impari a sciare, cadrai. Probabilmente non riuscirai a eseguire una curva dolce, e anche quando ci riuscirai, ti confronterai senza dubbio con tutti gli altri sciatori sulla pista quel giorno. Rinunciare quando cadi o permettere al tuo cervello di girare una narrativa controproducente ti impedisce di imparare. Fare errori è una parte potente del processo di apprendimento. [7]

Fai pratica, ottieni feedback; e fare pratica e ottenere feedback.

Prendere l'abitudine di applicare ciò che hai imparato è eccellente, ma puoi fare così tanto da solo. Hai bisogno del contributo degli altri per portare le tue abilità al livello successivo.

Puoi avviare un ciclo di feedback eseguendo un'autovalutazione per fare il punto su dove ti trovi nel processo di apprendimento, ma se vuoi fare più crescita, cerca il feedback degli altri. [8]

È facile fermarsi alla fase di autovalutazione e convincersi che stai facendo tutto bene, ma non sai cosa non sai. Le opinioni degli altri possono aiutarti a determinare dove dovresti concentrare i tuoi sforzi di apprendimento in modo da migliorare sempre.

Quando inizi a sviluppare nuove abilità, potresti essere in grado di elaborare le istruzioni al momento, ma se non continui a esercitarti, non interiorizzerai la conoscenza. Dovrai ripetere le tue azioni o il processo finché non diventa una seconda natura.

Ad esempio, quando impari una nuova parola, devi seguire il lento processo di cercarla, ripetere la definizione e usarla in una frase più volte. Se non usi la parola, la dimenticherai, ma se la usi abbastanza ti verrà in mente con facilità.

3. Stai attento a cosa imparare dopo: evita di perdere tempo con informazioni non necessarie.

Quando scegli come target le tue ricerche anziché lo scorrimento inconsapevole, conserverai più informazioni.

Cogli l'opportunità di riflettere su ciò che hai imparato lungo il percorso. Non solo ti sentirai meglio con i tuoi progressi, ma sarai in grado di utilizzare ciò che già sai quando affronti una sfida diversa.

Per fare riferimento al nostro esempio di sci per l'ultima volta, immagina di aver acquisito padronanza delle basi del movimento. Puoi girare dolcemente e fermarti quando ne hai bisogno. Cosa devi imparare dopo? In che modo le cose che già sai sullo sci influenzeranno il modo in cui affronti nuove tecniche e sfide?

La conoscenza non deve essere conosciuta, ma applicata

Per conoscere qualcosa in profondità, dovrai impegnarti in modo coerente e nel contempo darti molte opportunità di auto-riflessione e feedback oggettivo. La conoscenza è cumulativa. Le più grandi menti e gli atleti più abili del nostro tempo non sono diventati così sfogliando i social media o leggendo libri: hanno dedicato il tempo per dare un significato ai loro dati rilevanti per i loro studi.

Il vero apprendimento non è sempre facile. Vivrai difficoltà mentre affronti nuove sfide e guadagni l'effimero dell'era digitale. Se riesci a concentrare i tuoi sforzi e fare scelte deliberate sul tuo apprendimento, puoi navigare nell'abbondanza di risorse per ottenere guadagni significativi nella tua vita.