Una lettera di scusa a me stesso, anche se quel "io" non esiste più

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Mi dispiace che tu fossi così spaventato, così sorpreso e così solo.

Mi dispiace di non essere stato abbastanza forte da starti dietro quando avevi davvero bisogno di credere. Mi dispiace davvero di non averti sostenuto per essere quello che volevi essere. Nessuna persona dovrebbe mai essere lasciata sola nella disperazione della solitudine. Ma lo eri e voglio ricordarti una cosa.

Quando ti è stato detto che scrivere era un hobby, hai segretamente sussurrato "no". Quando non ti hanno permesso di studiare una laurea in Lettere, non ti sei arreso e hai continuato a praticare. Quando sono comparse lotte come la depressione e l'ansia, non si smette mai di combattere. Quando le persone ti hanno spaventato dicendo "è dura", "richiede molto lavoro", "morirai di fame senza reddito", non hai ascoltato le loro parole.

Grazie per essere forte per entrambi, anche se ci sono stati momenti in cui hanno piegato la tua volontà e schiacciato le tue speranze; quando c'erano momenti in cui sforzarsi sembrava inutile. Grazie, perché senza di te non sarei io oggi.

Mi dispiace solo che tu abbia dovuto sopportare tutto da solo e che mi ci sia voluto così tanto tempo, più di un decennio, per rendermi conto che ne valeva la pena. Sì, le lacrime, la depressione e i dubbi ... Ne è valsa la pena essere qui oggi.

Ma la dolorosa verità è che in fondo ogni singola parola detta da altri ha prodotto il tuo spirito. Hai cercato di non farti vedere giù anche se eri a pezzi e sanguinavi dentro. Ma è arrivato a te.

Mi dispiace che tu abbia dovuto farlo da solo. Ma non potrei essere più orgoglioso di te, ragazzina. Perché quando nessuno, nemmeno una sola persona, ti ha incoraggiato a perseguire il tuo sogno, il nostro sogno, ti rifiutavi di credere che avevano ragione, non importa quanto volessi gridarlo ad alta voce.

Guardando indietro, faceva ancora male.

So quante volte ti sei sentito disperato, scappando nell'oscurità. So quante volte hai voluto abbandonare e ammettere che era inutile. Ricordo ogni singola volta che ti sentivi inutilmente inutile, piangendo fino a dormire perché il mondo non voleva vedere quanto potevi essere grande.

Lo so perché ero lì e il tuo dolore è stato il mio dolore. E le tue paure sono le mie paure oggi.

E il tuo coraggio, figlia mia, quel coraggio è la mia guida oggi.

La verità è: non è finita. Oggi sono uno scrittore, ma la gente continua a dire che dovrei solo tirarmi indietro e vivere una vita comoda e noiosa. Mi rende pauroso e dubbioso; e se avessero ragione, dopotutto? Dovrei semplicemente smettere? È troppo tardi per smettere di sfidare me stesso?

Ma grazie a te mi rifiuto di crederci.

Mi rifiuto di ascoltare per il mio bene ma anche per la tua memoria: perché in fondo, anche nella tua ora peggiore, non hai ceduto. Non completamente. Hai trovato la tua strada, che è anche la mia, e hai corso contro le avversità e le tempeste.

Non hai ammesso una sconfitta.

Mi dispiace di essere stato debole, stupido e troppo spaventato per sostenere i nostri sogni. Ecco perché ho raccolto tutto il mio valore e la mia gratitudine e mi impegno a non arrendermi mai e poi mai.

Ti meriti di più e oserò l'impossibile per realizzarlo.

Anche se chi eri non esiste più, dentro di me vivrà sempre una bambina, troppo spaventata per dire ad alta voce "Sono una scrittrice".

Lo dirò per te: sono uno scrittore. Non ho rinunciato al mio sogno. E non ti deluderò mai più.

E tu, caro lettore, neanche tu dovresti.

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Leggi avanti

Altro di questo autore

Alba Lanuza

Tendenze nella comunicazione

Altro di questo autore

Alba Lanuza

Tendenze nella comunicazione

Leggi avanti

7 passaggi per prendere una decisione per il nuovo anno e mantenerla
Come sviluppare muscoli velocemente: 5 trucchi per fitness e nutrizione
30 migliori citazioni per ispirarti a non smettere mai di imparare
9 esempi stimolanti di mentalità di crescita da applicare nella tua vita

Ultimo aggiornamento il 18 dicembre 2020

In che modo viaggiare può migliorare drasticamente le tue capacità interpersonali

Vagabondo itinerante, scrittore e appassionato di cibo vegetale. Leggi il profilo completo

  • Condividi
  • Blocca
  • Tweet
  • Condividi
  • Email

Intrinsecamente, il viaggiatore esperto funge anche da farfalla sociale. Possono avviare una conversazione per capriccio e in qualche modo riescono a trovare un terreno comune con persone di ogni estrazione sociale.

Viaggiare da solo può aprirci e arricchire incredibilmente gli occhi, ma ci fornirà anche le abilità necessarie per avere successo. La comunicazione e le abilità interpersonali sono attributi che possono essere appresi e affinati. Queste abilità sono applicabili nella vita di tutti i giorni e possono essere tradotte in ambienti professionali.

Siamo intrinsecamente chiusi

Per la mia prima esperienza di viaggio solitario, ero appena arrivato a San Francisco per uno stage. Si è verificato un problema con il nostro treno e abbiamo dovuto passare a un nuovo treno al binario successivo. Un signore che aveva tenuto una conversazione educata ha deciso che ora era la sua missione aiutarmi a spostare le mie cose sul treno successivo.

Nonostante le buone intenzioni, ero sgomento. Non ero abituato alla gentilezza degli estranei, anzi pensavo che stesse cercando di derubarmi o peggio. La gentilezza è in qualche modo regionale. E crescendo nella zona di Tristate, ero stato condizionato ad essere estremamente scettico. L'interazione con estranei sembrava incredibilmente tabù.

È vergognoso ammetterlo, ma le abilità sociali sono cadute nel dimenticatoio. Ci siamo dimenticati di come parlarci. L'idea di avviare una conversazione con uno sconosciuto è al limite del terrificante. Ma ancora più terrificante, la mancanza di una comunicazione efficace porterà alla fine a una vita solitaria.

Mantenere viva la passione

Una volta un uomo molto saggio ha detto che prima di impegnarsi completamente con qualcuno, portalo in viaggio. Quest'uomo saggio è Bill Murray e dice la verità. Viaggiare può essere un periodo molto vulnerabile per molte volte, spesso può tirare fuori il peggio dalle persone.

Ma se sei in grado di superare gli inevitabili ostacoli che sorgeranno durante il tuo viaggio, è stato dimostrato che viaggiare rafforza le relazioni. [1] Offre a te stesso e al tuo partner l'opportunità di condividere un obiettivo comune.

Il semplice fatto di trovarsi in un ambiente diverso [2], libero da tutti i tuoi obblighi quotidiani che tendono a intralciarti, aiuterà a riaccendere il romanticismo e l'intimità. Darà a entrambi la possibilità di rivisitare alcune questioni che normalmente darebbero inizio a una discussione, in un ambiente romantico e sicuro.

Le coppie che viaggiano regolarmente insieme hanno riferito di avere una comunicazione più efficace tra loro rispetto a quelle che non lo fanno. [3]

Non vedrai mai il mondo allo stesso modo

La più grande epifania che si possa vivere mentre si immergono nello stile di vita dei viaggi è la consapevolezza che non tutti pensano come te. Non tutti vivono nello stesso modo in cui lo fai tu. Culture diverse ospitano filosofie e priorità diverse.

Respira, rilassati e divertiti

Crescendo in un luogo in cui i risultati sono attesi istantaneamente, non mi piaceva l'idea di aspettare. Voglio dire, qual è il problema? Ho effettuato l'ordine e lo voglio adesso. Chiaramente l'impazienza era spalmata su tutto il viso. Il server che ha preso il mio ordine mi ha chiesto in modo così innocente: "Perché sembri arrabbiato? Hai qualche momento in più per goderti la vita prima di ricevere il cibo. " Aveva così ragione. Perché mi stavo arrabbiando? Non avevo nessun posto dove essere. Così ho seguito il suo consiglio. Inspirai profondamente, assorbendo tutta la bellezza che mi circondava.

La pazienza è una virtù. E quando sei in viaggio, non hai altra scelta che essere paziente.

Impara a rotolare con i pugni

Non tutto funziona come previsto, le cose sono destinate ad andare storte. Quando viaggi, sei eccezionalmente vulnerabile a questi contrattempi, con pochissima sicurezza se le cose non vanno come vuoi. Questo può essere incredibilmente snervante le prime volte. Questo può persino dissuadere alcuni dal decidere di continuare. Ma se riesci a hackerarlo e prendere i colpi mentre arrivano, alla fine svilupperai la pazienza del Santo. Stanno per accadere cose brutte; lasciateli. Troverai un altro modo.

Quando le cose non funzionano, non solo devi essere paziente, ma anche adattabile [4]. Devi essere in grado di ricordare e mettere a punto strategie, o almeno accettare la situazione a portata di mano e procedere con essa.

Non è la situazione, è la tua reazione

In una valanga di effetti positivi, il tuo aumento di pazienza e adattabilità ti renderà a sua volta una persona più gentile e meno scettica. Perché a questo punto lo capisci. Siamo tutti umani, facciamo del nostro meglio per tirare avanti. Quindi resta calmo.